--- Rossi Biaggi e Beltramo in crisi a Misano ---

ANTEFATTO:
a Misano, il 2 settembre 2007, Stoner vince il GP con la Ducati mentre Rossi rompe il motore della sua Yamaha e perde le speranze di vincere il mondiale MotoGP; qualche settimana prima, sempre a Misano, Biaggi era caduto dopo essersi toccato con Haga, perdendo le speranze di vincere il mondiale Superbike.

Personaggi e interpreti:

VR - un pilota di MotoGP

I - un idraulico

MB - un pilota di SBK

ZDB - lo zio del pilota SBK

EP - la donna del pilota SBK

JB - capomeccanico del pilota MotoGP

DB - team manager del pilota MotoGP

PB - telecronista di Italia 1

CC - dottore della Clinica Mobile


Dopo la MotoGP di Misano, l’intrepido duo Meda- Reggiani ha contattato l’ispettore Closeau della gendarmeria francese per scoprire le cause della crisi di Valentino Rossi. Ecco i risultati dell’indagine, messi nero su bianco in un dossier segretissimo trafugato su una scrivania di Mediaset dal nostro inviato speciale la Pantera Rosa.

 


Tavullia, casa signorile, domenica 17 giugno 2007, ore 8 e 30.

VR – Pronto? L’idraulico? Sono Valentino Rossi!

I – Si, e io sono la tartaruga!

VR – Senta, signor Tartaruga, ho il rubinetto che mi perde, può venire ad aggiustarmelo?

I – Guardi che oggi è domenica, si paga di più!

VR – E quanto mi verrebbe a costare?

I – Diritto di chiamata, indennità di trasferta, tariffa festiva, manodopera, materiale di consumo, siamo sui 300 euro già scontati!

VR – Cosa? Così tanto? Ma lo sa che a me danno solo 30 euro a minuto, compreso la notte quando dormo? Non mi basta una pennichella di 10 minuti per rientrare nella spesa!

I – Guardi, è così. Prendere o lasciare.

VR – Ma la fattura alla mia società estera me la può fare?

I – Se vuole fattura, deve aggiungere l’IVA, i contributi, la Cassa artigiani, le spese doganali, andiamo a finire sui 500 euro. Il prezzo di 300 si intende “al nero”!

VR – Ah, vabbé, allora non se ne fa niente!

(Ma guarda questo disonesto, le tasse non le vuole proprio pagare, mentre io a Londra mi pago il mio bel 5% sui miei 16 milionucci ed il resto lo metto in Svizzera! Sai che ti dico? Aspetto che il Grazia si riprende dalla sbronza e me lo aggiusta lui gratis il rubinetto! E ora che casso faccio? La chitarra è scordata, Fastweb non funziona, a Uccio gli ho dato la giornata libera, mo’ telefono a Davide Brivio e sento che fa lui!)

Pronto? Davide? Che stai a fa’? Vai a Misano a vedere la Superbike? Mi sa che vengo anch’io! Quale macchina prendo? Sai, ce ne ho otto nel box! Dici che è meglio che vengo con lo scooter, che evito il traffico? Va bene, ci vediamo al Tramonto!

 


Misano, curva del Tramonto, domenica 17 giugno 2007, ore 12 e 35.

VR – (Io non capisco perché la chiamano curva del Tramonto, qua c’è un sole a picco … Guarda chi c’è, il mio amico Max, ammassa come tira, adesso mi faccio vedere e lo saluto.)

Scusa, commissario, dammi un attimo questa bandiera blu che la agito così mi faccio vedere da Max!

MAAX! Sono io, Vale. Ti sono venuto a vedere, con lo scooter. Guarda, c’ho anche lo scooter che si chiama come te, T-Max!

(Ecco, m’ha visto, guarda che gentile, ha staccato la mano dal manubrio per salutarmi, portandosela verso i maroni, è il mio segnale di riconoscimento.)

CIAAO MAAX!  Come va la gara? Tutto bene? Adesso però rimetti la mano sul manubrio, che c’è la curva!

(Casso, troppo tardi, è cascato e s’è portato appresso pure Haga, mi sa che è meglio che me vado sennò poi dicono che porto sfiga, me ne torno a casa a scegliere le gomme da pioggia per la gara di Donington.)

 


Montecarlo, villa con piscina, sabato 1 settembre 2007 ore 16 e 30

MB – A zi’, che stai a fa’?

ZDB – Me stò a magna’ un panino co’ la carne!

MB – Ma quale carne? Nun ce n’era carne a casa!

ZDB – Perché, questa che stava ner frigorifero che d’è?

MB – A zi’, ma quello era er pormone che avevo comprato per gatto!

ZDB – E va be’, sempre carne è!

MB – E te lo magni pure crudo! Che schifo!

ZDB – Ce lo sai, io so’ un po’ servatico, me piace sentì l’odore de carogna morta, er sapore der sangue fra li denti!

MB – E mo’ io che je do da magnà ar gatto?

ZDB – Me dispiace dittelo, ma er gatto nun c’è più!

MB – Come sarebbe a dì che nun c’è più?

ZDB – Sarebbe a dì che ieri sera l’ho trovato che me pisciava sulle infradito, m’ha fatto incazzà allora l’ho preso, j’ho tirato er collo e me lo so’ magnato in ummido coi facioli!

MB – Porca miseria, se lo viene a sape’ Eleonora che j’hai fatto fori er gatto … a proposito de Miss Itaglia, Eleonò, che stai a fa’?

EP – Mi sto allenando a pattinare sul ghiaccio!

MB – E che lo fai coi pattini a lama sul parchè? Me lo stai tutto a rigà! Fermete!

EP – Che dici Max?

MB – Attenta che stai annà a sbatte! Oh  cazzo, la vetrina co’ dentro le tazzine de porcellana de mi’ nonna! Te possino ammazzà, nun se n’è sarvata una! Meglio che esco da  casa, sinnò finisce che strozzo qualcuno!

EP – Dove vai Max?

MB – A Misano, c’è mi nipote che core co’ la 125, je vado a da’ er supporto, e poi devo fa’ ‘no scherzetto a uno che me devo vendicà

EP – E come ci vai?, Con l’aereo?

MB – No, pijo la moto.

EP - Ma è lontano!

MB – E che me frega, io pijo ‘a Suzzuchi 1000 cor motore truccato, me metto a 300 sull’autostrada e co’ du’ ore arivo!

ZDB – Ammazza! E che motore c’avresti messo sotto?

MB – C’ho messo er motore d’a superbaic, e a quella da corsa c’ho messo er motore origginale, ecco perché nun riesco a sta’ dietro a Toselann sur rettilineo!

ZDB – Ma che dici?

MB – Guarda che è ‘na tecnica che uso da morti anni, siccome me piace de fa’ collezzione dei pezzi de moto da corsa, a inizzio staggione quanno che i meccanici smontano le moto pe’ spedille me ne porto un po’ a casa e je do in cambio i pezzi delle moto normali; er bello è che l’ingegneri giapponesi nun se accorgono!

Quest’anno, dopo che ho vinto la prima gara in Qatar, ho preso quer motore che tirava come un addannato, e l’ho scambiato con quello der 1000 che m’ero comprato ‘st’inverno. Ecco perché dopo nun ho più vinto un cazzo! Me mancheno i cavalli!

Quanno faccio le prove me diverto co’ tutti l’ingegneri giapponesi che me stanno tutti intorno e me dicono: mappatula centralina? controllo tlazione? gomma dula? alzale forcella? e io je dico: si, si, cambiare setup, loro cambieno i parametri e la moto nun cammina un cazzo lo stesso perché c’ha 50 cavalli in meno dell’artre.

Comunque er mejo è stato quanno corevo co’ la Honda HRC, me so’ portato er 5 cilindri della RcV 211 a casa e j’ho messo sotto er motore de un vueffeere 750, all’inizio nun se n’era accorto nissuno, poi Kanemoto c’aveva dei dubbi che je sembrava che c’aveva un cilindro de meno e allora io de notte j’ho dipinto le alette de raffreddamento sur firtro dell’olio e j’ho detto: nu’ lo vedi che er quinto cilindro sta lì, sotto ‘a coppa dell’olio? E quello c’è cascato come ‘n pollo, pe’ poco nun faceva carachiri pe’ la vergogna!

ZDB – So’ proprio stupidi ‘sti giapponesi!

MB – Mica solo loro: quanno corevo co’ l’Aprilia 250 me so’ fregato ‘a forcella Ohlins, e ar posto suo c’ho messo quella d’un Califfone, solo che nella fretta l’ho montata ar contrario; quanno l’ha vista Uitteuen, invece d’incazzasse, c’ha pensato su e poi s’è messo a sartà dentro ar boxe tutto contento dicenno: upsaidaun, upsaidaun.

Senti questa, n’antra vorta tornavo dar bar co’ quattro cornetti dentro ‘n sacchetto, solo che me li so magnati tutti e allora ho gonfiato er sacchetto, l’ho chiuso co’na mano, so’ entrato ner boxe Ducati e l’ho fatto scoppià co’ l’artra mano; io pensavo che me corevano appresso pe’ menamme, invece Domenicali e Troibeiliss c’hanno pensato su e poi se so’ messi a di’: bigbeng, bigbeng.

EP – Insomma, ci stai dicendo che alcune delle più significative innovazioni delle moto da corsa degli ultimi anni sono frutto di tue intuizioni!

MB – Modestamente, si! Infatti nun me po’ vede’ nissuno no perché so’ antipatico, ma perché loro so’ invidiosi che io so’ un genio!

 

 


Misano, pitlane, domenica 2 settembre 2007, ore 12 e 30

MB – (Nun me devo fa’ riconosce, adesso me metto uno dei miei più riusciti travestimenti, parrucca lunga bionda riccioluta, via baffi e pizzetto, un nasone finto, un paio d’orecchini, ‘na tuta da finocchio de Dorce e Gabbana, e vado ar boxe della Yamaha)

Ciao Geremi, so’ Marco Simoncelli, me potresti prestàna chiave da 13 che devo regolà i cammes dell’Aprilia 250?

JB – I don’t think you are Simoncelli, at the present he’s riding on the track the two hundred and fifty race. Besides, the engine you’re talking about is a two stroke one, and has no timing shaft!

MB – Si, si a casa tutti bene, senti ma quello che è, er serbatoio della Panda?

JB – Please don’t touch the fuel tank of Valentino’s bike!

MB – Ah, è er serbatoio de ‘na moto, nun c’è bisogno che t’incazzi, m’ero sbajato perché avevo visto scritto FIAT!

JB – You’re pretending to be Simoncelli , and I’am sure you want to do something unclear! Please, get off this box before I call a policeman!

MB – No, io le vacanze le ho fatte a Riccione. Grazie pe’ la chiave, te la riporto più tardi!

(Ma come cazzo parleno sti americani, io nun li capisco proprio! Comunque, missione compiuta!)

 


Misano, linea di partenza domenica 2 settembre 2007, ore 14 e 00

VR – (Oggi questa gara la vinco sicuro, c’ho il motore nuovo, le gomme super, non piove, stanotte Giovanna mi ha dato il culo, però prima di partire il solito rituale, mi tocco i maroni, e leggo i post-it che i miei fan mi lasciano sul serbatoio.)

 

- “Casco ben allacciato e luci accese anche di giorno. Nico.” -

- “Non andare piano. Pensa a noi. Guido & Paolo.” -

- “Stanotte ce l’avevi durissimo. Ti amo. Uccio.” -

- “Guarda che io stanotte ti sei girato dalla parte sbagliata. Io dormivo alla tua sinistra. Giovanna.” -

 

(Via! Casso, non mi hanno dato il tempo di finire di leggere tutti i post-it. E ora chi casso è che mi chiama sul cellulare?)

Pronto? Sei tu babbo? Sto a Misano e sto correndo! Aspetta un attimo che mi sistemo meglio l’auricolare! Accidenti, ho dovuto frenare in mezzo a una curva per sistemarlo, e ho fatto cadere una Kawasaki e un’Honda, vabbé, chissene frega, tanto quello che conta qui in mezzo sono io, tutti gli altri non sono un casso! Dimmi, hai trovato il biglietto con scritto di aggiustare il lavandino? Ma te lo avevo lasciato 2 mesi fa! Ah, sono due mesi che sei ubriaco dalla mattina alla sera e ti sei ripreso solo oggi? Per farla breve, è il lavandino della cucina, sono venuti quelli della pubblicità, me l’hanno sfasciato e dopo le riprese non l’hanno più rimesso a posto, ci puoi pensare tu? L’idraulico voleva un sacco di soldi, poco ci mancava che facesse Visco di cognome! Grassie, ci sentiamo più tardi, ora devo andare a vincere questo gran premio!

(Com’è la situazione? Sono al quarto giro, davanti a me c’è Hopkins, ora lo ripiglio subito. Aspetta, prima finisco di leggere i post-it sul serbatoio, tanto mancano ancora un sacco di giri).

 

- “L’uso dei cellulari a bordo di questo veicolo può provocare la rottura delle valvole pneumatiche e l’usura precoce delle gomme. Per la vostra sicurezza ritornate immediatamente ai box. Geremi.” -

 

(Eh no, casso,  questa non ci voleva! Sono troppo fico e bello per rischiare di cadere e farmi male, forse è meglio se rientro ai box.)

DB – Perché sei rientrato ai box?

VR – Scusa Davide, io ero sicuro di averlo spento il cellulare, invece ha squillato ed io non ho saputo resistere, ho risposto, poi ho letto il post-it di Jeremy e sono rientrato!

DB – Quale post-it?

VR – Questo!

DB – Jeremy, l’hai scritto tu questo post-it?

JB – No, it’s not mine. My signature is Jeremy, not Geremi. But I have a suspect about the man who put it there.

DB – Un altro trucco di quei maledetti uomini rossi. Non bastava la benzina nel telaio ed il motore maggiorato, ora ti mettono sul serbatoio anche i post-it falsi!

VR – E adesso che facciamo?

DB – Niente, diamo la colpa al motore che s’è rotto, non possiamo far sapere al mondo quanto sei stupido!

 


Misano, motorhome di Colin Edwards, domenica 2 settembre 2007, ore 15 e 00

PB – Cari telespettatori scusate se ci sovrapponiamo alla cerimonia del podio ma Valentino può concederci un’intervista solo adesso, dopo ha un appuntamento con la Regina Elisabetta per discutere della successione al trono d’Inghilterra! Chiediamo scusa anche a Colin Edwards se stiamo nel suo motorhome, ma in quello di Valentino è in corso una medicazione alle emorroidi del suo amico Uccio!

VR – Siao a tutti!

PB – Allora, Valentino, possiamo dire che nonostante la vittoria della gara sia andata ad un illustre sconosciuto, il vincitore morale della gara sei tu: non è da tutti i 7 volte campioni del mondo accettare col sorriso di essere sconfitti da un complotto che vede impegnati la Michelin, la DORNA, la Yamaha, la Guardia di Finanza ed Elisabetta Canalis nel detronizzare quello che è stato l’incontrastato dominatore degli ultimi dieci anni di corse in moto!

VR – Si, no, beh, forse, cioè, insomma, è che io volevo vincere ma le gomme della Misselen si sono consumate subito, sivolavano

PB – Ma era sembrato di capire che ti sei ritirato per colpa del motore rotto, ricordiamo ai telespettatori che la Yamaha ha portato qui a Misano un nuovo motore fragilissimo per cercare di colmare un divario di 200 cavalli che ha Valentino nei confronti degli altri piloti. Forse volevi dire che le tue sopraffine doti di collaudatore ti hanno fatto capire già al quarto giro che le gomme non avrebbero tenuto fino alla fine, a prescindere dalla rottura del motore?

VR – Si, no, beh, forse, cioè, insomma, è che io glielo avevo detto di rifare la carburazione … E poi questo sta diventando il campionato dei gommisti, non è come una volta che le gomme buone le avevo solo io, ora le Misselen sivolano, sivolano

PB – Assodato che le gomme Michelin sono un handicap che rende la tua moto inguidabile rispetto a quelle equipaggiate Bridgestone e che solo la tua immensa bravura ti permette di continuare a vincere i gran premi pur arrivando sulle tele, continuerai ad utilizzare il motore a valvole pneumatiche nei prossimi gran premi?

VR – Si, no, beh, forse, cioè, insomma, va bene, ha potensa, gli mancano 50 chilometri sul dritto ma qui dove ci sono pochi rettilinei io ci mettevo il mio e recuperavo in curva, però devo dire che se non vinco non mi diverto, e poi non si vedono più i sorpassi di una volta, sigh sigh sigh

PB – Cari telespettatori, che esempio di umanità ci sta dando questo pluri campione, si commuove e piange perché senza sorpassi voi da casa non potete più gioire dello spettacolo che vi ha regalato negli anni passati con le sue rimonte, le sue staccate, le sue pieghe da urlo …

VR – Veramente piango perché mi manca tanto Max Biaggi. Sigh sigh. Da quando se n’è andato sono entrato in crisi. Prima, quando c’era lui, che partiva sempre primo, io mi divertivo a fare le rimonte così poi alla fine lo sorpassavo, e lo pigliavo pure un po’ per il culo. Adesso che non c’è lui non me ne frega niente dei sorpassi, mi accontento dei sesti posti. Prima, quando c’era lui, gli facevo dare le gomme difettose, i motori spompati, e mi piaceva sentire come si lamentava a fine gara, ora invece le gomme difettose e i motori spompati li danno a me. Prima era lui l’antipatico lamentoso d’Italia, ora sono diventato io. Ma ho deciso: se l’anno prossimo non mi danno la moto e le gomme giuste, smetto!

PB – Aahhhrghhh!

VR – Che c’è? Perché ti porti la mano sul petto? Un infarto? Presto, chiamate il dottor Costa con l’ambulansa. Su, non fare così! Scherzavo, non smetto di correre, al massimo me ne vado anch’io in superbike con Biaggi!

PB – Aahhhrghhh!

VR – Un altro infarto? Perché non mi sto zitto? Scherzo, rimango in MotoGP. Dottor Costa, l’aiuto ad intubarlo. Ce la farà a superare la crisi?

CC – Lo stiamo perdendo, lo stiamo perdendo ….