--- Il libro dei perché ---

ANTEFATTO:
tutto quello che avreste voluto sapere ma non avete mai osato chiedere sui personaggi del meraviglioso mondo delle moto ...

Personaggi e interpreti:

VR - un pilota di MotoGP

CC - un dottore della Clinica Mobile

MB - un pilota di SBK

ZDB - lo zio del pilota SBK

EP - la donna del pilota SBK

FT - un calciatore della Roma

BN - Babbo Natale (per chi ci crede ancora)



In occasione del centenario della sua nascita, il Gazzettino del Motociclista esce in edicola con un regalo per i suoi affezionati lettori, un volume intitolato "Il libro dei perché", dove vengono rivelati alcuni degli aspetti nascosti dei protagonisti della nostra meravigliosa passione. Eccone in anteprima alcuni stralci.



Perchè Valentino Rossi si tocca i marroni sulla linea di partenza?
Perchè gli torna in mente un episodio della sua gioventù.



Era la mattina di un gelido febbraio di molti anni fa, quando Valentino Rossi entrò nella ferramenta milanese "Il paradiso della brugola", dove incontrò il dottor Costa che stava facendo la spesa.
"Bene - dice il dottor Costa al commesso - mi servono 4 chili di chiodi da 2 centimetri, 1 chilo di chiodi da tappezziere, 6 rotoli di fil di ferro, 100 viti autofilettanti da 4 millimetri, 100 da 6 e 50 da 8, 30 bulloni M4, 30 M6 e 30 M8, 20 bulloni M10 passo 1,25, tutti con relativi dadi e rondelle, 1000 rivetti ed una rivettatrice, poi 100 ganci Fischer, 50 staffette ad elle, 50 staffette dritte, 3 martelli, 10 cacciaviti a taglio e 5 a croce, 4 pinze, 2 cesoie, 2 seghe, 4 lime, 2 raspe da legno, 3 confezioni di punte da trapano assortite, 1 Black&decker con percussione, 2 trapani portatili a batteria, una cucitrice a punti metallici con 2 scatole di punti di ricambio, un seghetto alternativo, una smerigliatrice e 10 pennelli".
"Ehi dottore - fa Valentino che non perde mai l'occasione di stare zitto invece di dire la solita battuta cazzara - devi ristrutturare casa?"
"No - gli risponde serafico Costa - è che tra un mese inizia il motomondiale e mi sto attrezzando per riparare le ossa di voi piloti quando cadete!"
SGRRRRAAAAAATTTTTT!


Perchè il dottor Costa riesce a rimettere in piedi i piloti in men che non si dica?
Perchè utilizza metodi di medicina non convenzionale.


Da piccolo Claudio Costa amava giocare con il legno.
Prendeva rami e ramoscelli, li spezzava a metà e poi con lo spago li rimetteva insieme, e portava fiero a scuola queste sue creazioni; adolescente, scoprì la sega (l'utensile, n.d.r.) ed i chiodi, ed inizio a segare rami ed assi di legno e ricomporli a forza di chiodi: era diventato così bravo ad usare il martello che nelle fiere di paese gli veniva vietato di fare quel gioco che consiste nel piantare un chiodo con sole 3 martellate.
Finito l'istituto tecnico industriale, dove aveva frequentato la specializzazione di falegnameria, si iscrisse per sbaglio a medicina (avrebbe voluto fare scienze politiche perché lì si rimorchia di più) e superò col 18 politico gli esami del triennio.
La svolta avvenne quando durante il corso di medicina legale prese parte alla sua prima autopsia: non gli sembrava vero di poter fare a pezzi qualcosa di organico (aveva provato col gatto, ma strillava e graffiava come un diavolo) con la sega ed il martello, e stabilì il record universitario di sezionamento di cadavere con 2 minuti e 57 secondi; ma il meglio di sé lo diede quando, in sede d'esame, dopo aver sezionato il morto lo ricucì in 6 minuti e 13 secondi utilizzando, al posto del filo di sutura, 73 chiodi e 2 metri di fil di ferro.
Una volta laureato prese a far pratica presso il reparto Ortopedia dell'Ospedale di Bologna, dove si recava portando la sua cassetta dei ferri personale (il primo giorno lo scambiarono per il falegname che era venuto a riparare le finestre), ed a parte il risultato estetico (i suoi pazienti sembravano usciti dai film di Frankstein) riusciva ad aggiustare con chiodi, fil di ferro e perizia qualunque osso gli capitasse sotto le mani.
L'unica "controindicazione" era che, non sapendo niente di medicina, operava senza anestesia, al massimo concedeva al paziente mezza bottiglia di Lambrusco (l'altra mezza se la scolava lui durante l'operazione), per cui le grida di dolore non erano normali, e per evitare di terrorizzare il resto dell'ospedale lo mandarono ad operare dentro un camper parcheggiato in aperta campagna.
Fatto sta che poi intorno a quel camper costruirono la pista di Imola, e lui si trovò circondato da gente che quasi godeva a fracassarsi le ossa guidando un coso a due ruote, e da cosa nasce cosa, si fece delle amicizie tra i piloti, il lavoro era assicurato, il camper diventò la Clinica Mobile ed il resto lo conoscete anche voi.
Ancora oggi il nostro dottore non usa anestetici durante le sue ricostruzioni: per giustificare il dolore che fa provare (agli altri) ci racconta che il dolore purifica l'anima e ci fa scoprire le risorse interiori che ci avvicinano all'essere superiore; qualcuno ha già definito la sua scienza con il neologismo "medicina dolorientale".
Poi, quando ha un pò di mal di testa, si prende un Aulin.


Perchè i caschi Arai costano così tanto?
Perchè vengono collaudati uno per uno.


Per chi non lo sapesse, ogni casco Arai che entra in Italia viene controllato per verificare se risponde ai requisiti di sicurezza.
Il simpatico importatore in persona indossa ciascun casco, e munitosi di una bottiglia di acqua minerale piena da 2 litri si colpisce con forza in 7 diverse zone del casco, per verificare se il casco resiste agli urti in sequenza.
Ultimamente Arai ha iniziato anche la produzione di sospensori per il pugilato; il simpatico importatore è attualmente molto impegnato a collaudarli dandosi le bottigliate sui cogl....


Perchè Babbo Natale quest'anno non ha portato i doni a tutti?
Perchè ha avuto un incidente durante le consegne.


Montecarlo, notte tra il 24 ed il 25 dicembre.
Un simpatico pilota sta dormendo con la sua fidanzata quando improvvisamente viene svegliato da un gran frastuono.
MB - Che c'è, che succede?
ZDB - L'ho preso, l'ho preso!
MB - Cos'è, che hai preso?
ZDB - Vieqquà, Macchese, ner salone, vié a vede!
MB - Ma guarda te, manco la notte de Natale se pò dormì tranquilli! Arivoo!

MB entra nel salone e vede un uomo a terra vestito di rosso vicino al camino.

MB - E quello chi è?
ZDB - Mo te spiego tutto, m'ero arzato pe' annà a piscià e me vedo questo tutto vestito de rosso che scenne dar camino, allora ho preso er bastone e jo dato 'n par de caracche in testa e l'ho stecchito!
MB - Ma brutto scemo, non lo sai chi è questo?
ZDB - Certo che ce lo so, l'ho riconosciuto subito tutto vestito de rosso co' le strisce bianche!
MB - E allora, tu vai a da' le botte in testa a Babbo Natale?
ZDB - Babbo Natale? Ma sei sicuro? Tutto rosso, co' le strisce bianche, io me credevo che era Troibeilis quello d''a Ducati!
MB - E invece no, è Babbo Natale che me stava a portà i regali che gli avevo chiesto co' la letterina!
ZDB - E io che pensavo de fatte 'n favore, mo je elimino Troibeilis così c'hai 'n avversario de meno!
MB - A Troibeilis ce penseno già quelli d''a Pirelli, che je danno le gomme de mmerda! Dai, mo' damose da fa', portamo er cadavere fori in giardino prima che me se sporca er tappeto!

Entra la fidanzata del pilota.

EP - Chi è quello?
ZDB - Nu' lo vedi? E' Babbo Natale, come fai a nun capillo?
MB - Senti da che purpito! 'o potevi capì te, prima!
EP - E dove lo state portando?
MB - Lo portamo in giardino, così lo seppellimo!
EP - Aspetta, voglio prima vedere la sua vera faccia!
MB - Ma che te frega, sarà 'n vecchio!
EP - Ma io sono curiosa! Dai, fammelo vedere! Se me lo fai vedere io ti do, io ti do ...
MB - N'antra lezzione de letteratura inglese? No, grazzie, si lo voi vedè te lo faccio vedè a gratise!

EP leva il cappuccio a Babbo Natale e ne gira il volto verso l'alto per osservarlo.

EP - Ma io questo lo conosco! Guarda anche tu, Max!
MB - Ma è Francesco Totti!
ZDB - E chi cazzo è Francesco Totti?
MB - Er capitano della Roma e della Nazzionale, er giocatore più forte d'Italia!
ZDB - E che ce fa qua vestito da Babbo Natale?
EP - Stavano facendo la pubblicità per Vodafone, Totti e Gattuso, vestiti da Babbo Natale, ecco perché!
MB - Brutto stronzo d'uno zio! Ammazzi la gente dentro casa come se gnente fosse, armeno fosse stato Gattuso, invece ora che m'hai fatto fori er Pupone povera Roma, è molto più facile che io vinco er mondiale superbaic piuttosto che la Roma vince lo scudetto!
ZDB - E si, è morto più facile che vinci er mondiale superbaic!
EP - E si, mi sa che il mondiale superbike lo vinci veramente!
FT/BN - Mi sa pure a me!